SEGGIANO

Con i suoi 491 mt. è il più basso dei comuni che si dividono i cono amiatino.
Qui, nel 1783, Pietro Leopoldo di Lorena ammirò “bellissime coltivazioni di viti e oliveti superbissimi”.
Dodici anni dopo Giorgio Santi annotò che “la collina è guarnita di belli oliveti che nutrono olivi di vecchiezza e grandezza straordinaria”.

COME RAGGIUNGERCI


Poggio al Leccio 18 - 58038 SEGGIANO (GR) Italia
Tel. +39.0564.950913 o +39.0564.950673 - Fax +39.0564.950291
info@terredorcia.it



web design kidstudio - firenze
LA VALLE
Fu all’inizio del secolo che lungo la statale che collega la Vald’Orcia alla Maremma sorse la locanda del “CACCIATORE”. Da sempre luogo d’incontro di viandanti, mercanti e cacciatori ma anche riferimento per tutti coloro che dalla campagna circostante necessitavano di servizi indispensabili. Dopo alcuni anni di gestione di quella che oggi è una civile abitazione, la famiglia Niccolini costruì il nuovo ambiente.
Era il Natale 1974, quando sulla collina a 500 mt. s.l.m. davanti alle pendici del Monte Amiata, a sud di Montalcino, venne inaugurato il ristorante, seguito un anno dopo dall’albergo. Ancora oggi la clientela è molto varia, benché a quella di sempre se ne sia aggiunta di nuova come gli “enogastronauti”, gli appassionati di arte, i pellegrini, i naturalisti e non sia più solo italiana ma internazionale. L’unico vulcano della toscana mostra il suo profilo inconfondibile anche a chi lo osserva da lontano.
Circondato dai più classici paesaggi della Maremma e del Senese, l’Amiata è rimasto un luogo diverso dalle terre circostanti. Come per una vera e propria isola, le onde della storia hanno lambito nei secoli l’Amiata. Però né gli Etruschi né i Romani, né i Longobardi né gli imperatori dell’ Occidente, né Siena né Firenze sono mai riusciti a intaccarne lo spirito, il carattere, la magia della montagna.